Cibo e salute

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cibo e salute

Messaggio  Dott.Alessandro Todeschin il Ven Giu 13, 2008 12:06 am

I termini naturopatia,
medicina complementare, alternativa, omeopatia, floriterapia...(chi più ne ha più ne metta) evocano indubbiamente un non so che di dolce: sarà per questo che una grande percentuale di quanti vi ricorrono aderiscono al motto: "prendi questo, tanto è naturale"?
Come a dire: "prova a prenderlo, mal che vada non ti fa niente".
Bene, per chi non lo sapesse, oltre ad essere una grandissima idiozia questo è il peggior modo per approcciarsi al mondo del naturale. Così facendo non siamo affatto diversi da quanti continuano imperterriti ad ignorare il rischio di un'assunzione indiscriminata di farmaci chimici, confidando tutto nell'abilità del medico ed evitando di mettersi al centro del percorso di guarigione.

Non è che io sia un anti-interventista, quando il farmaco ci vuole ci vuole, sia esso un farmaco di sintesi come una tintura madre o un preparato di fiori di Bach. Ma prima trovo giusto sedersi a tavolino e fermarsi un attimo.
Domanda: cos'è quel qualcosa che assumiamo come minimo tre volte al giorno...per tutti i giorni della nostra vita?
Bravi, avete indovinato: il cibo.

Io parto innanzitutto da qui. Dimmi come e cosa mangi e ti dirò chi sei!
Ho poche certezze nella mia vita, ma di questo sono sicuro: ciò che entra dentro di noi sotto forma di cibo si fa sangue e coscienza.
Ciò che mangio diventa i miei pensieri, modella i miei pensieri, li struttura.
E allora, se questo è vero (e non è vero perchè lo dico io, ci mancherebbe!) provate a pensare: il maxi cheeseburger grondante grasso servito da McDonald che pensieri potrà mai produrre in me?
Vuoi mai vedere che le atroci sofferenze patite da quel povero animale riverberano in me una volta che l'ho ingerito?

Dite che tutto ciò è indimostrabile?
Mah... facciamo un esperimento. Provate a mangiare pulito per un paio di settimane. Per pulito intendo cibo genuino, VIVO: verdura e frutta di stagione e del nostro territorio, cereali integrali, semi.
Poi mi saprete dire la differenza: sono pronto a scommettere che i vostri pensieri saranno qualitativamente migliori.

Vi lascio con un aneddoto divertente, ma che fa riflettere. Non più di due mesi fa ho avuto il privilegio di conoscere Martin Halsey, personaggio straordinario sul quale vi invito ad informarvi (cliccate il suo nome sul motore di ricerca!).
Ebbene, Martin mi ha fatto guardare per bene la bandiera degli U.S.A. e quella del Giappone a confronto: la prima, tutta frammentata in stelle e strisce, la seconda invece semplicissima (un sole rosso che si staglia su di uno sfondo bianco).
"Ma non vedi che alla bandiera corrispondono esattamente un tipo di cibo ed un tipo di pensiero precisi?
Il cibo occidentale è frammentato come quello della bandiera statunitense, e così è il loro pensiero: tutto teso verso il particolare.
Il cibo orientale è intero come intero è il simbolo della bandiera giapponese e così è il loro pensiero: anelante alla totalità.

Ho voluto provare: per alcune settimane ho rinunciato al cibo frammentato. Quindi cereali in chicco anzichè in farina, tanto per farvi un esempio. Ed è vero: il pensiero è diventato meno dispersivo.
Mi piacerebbe confrontarmi con chi abbia voglia di sperimentare tutto ciò.

Alla prossima.[/justify]

_________________
dott. Alessandro Todeschin (Thiene, VI)
http://alessandrotodeschin.weebly.com

Dott.Alessandro Todeschin

Numero di messaggi : 31
Età : 36
Località : Thiene (Vicenza)
Data d'iscrizione : 11.06.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum