Una generazione nel ricco mondo occidentale è cresciuta a bistecche: è ora di limitare i consumi o addirittura di smettere?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Una generazione nel ricco mondo occidentale è cresciuta a bistecche: è ora di limitare i consumi o addirittura di smettere?

Messaggio  Cristiana Minoletti il Gio Lug 15, 2010 4:44 pm

I costi occulti di consumare carne: i nostri acquisti possono incidere in qualche modo sul mercato



Cento scienziati nei Paesi Bassi si sono schierati per chiedere la fine degli allevamenti zootecnici di tipo industriali. In una carta di intenti hanno chiarito i problemi degli allevamenti di massa, mostrando le possibili via di uscita e soluzioni.
Tra le motivazioni presentate troviamo anzitutto la protezione degli animali, contro i maltrattamenti, le mutilazioni e la sovraalimentazione delle varie specie, in un sistema in cui "gli animali vengono adattati alle esigenze dell'industria".
Un altra forte preoccupazione degli accademici riguarda la distruzione del suolo, con le deforestazioni ed una progressiva acidificazione e caricamento del terreno con conseguenti sovraccarichi per le falde acquifere. Gli animali si nutrono di mangimi con alte concentrazioni di fosfati che vengono di nuovo ceduti al terreno.
Ma forse l'argomento più forte, utilizzato da sempre a sostegno dell'alimentazione vegetariana, è quello dell'alimentazione e della fame nel mondo. In media, si scrive nel documento, servono 5 kg di cereali per produrre 1kg di carne. Il 40% della raccolta cerealicola viene utilizzato per l'alimentazione animale.

La produzione di carne richiede inoltro un consumo idrico enorme. Si prevede che già nel 2017 il 70% della popolazione mondiale avrà problemi di accesso ad una quantità di acqua potabile sufficiente.
Per quanto riguarda i cambiamenti climatici gli allevamenti provocano una quota di emissioni di gas serra del 50% superiori a tutti i mezzi di trasporto, aerei inclusi.
(AAM Terranuova)

Nel suo ultimo libro "Se niente importa " (Ed Guanda) Jonathan Safran Foer riporta la situazione americana per quanto riguarda gli allevamenti intensivi , con un commento iniziale: " Gli americani scelgono di mangiare meno dello 0,25 % del cibo commestibile conosciuto sul pianeta".
E noi ?
Diritto fondamentale del cittadino è di condizionare il mercato con le proprie scelte di acquisto.


Cosa ne pensate, come scegliete di fare la spesa nel quotidiano?



Cristiana Minoletti

Numero di messaggi : 1
Età : 57
Località : Milano
Data d'iscrizione : 12.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Complimenti Cristiana!

Messaggio  Admin il Mer Ago 04, 2010 7:01 pm

Già 46 utenti hanno letto il post!
Il tuo articolo é molto interessante!
Ne aspettiamo di nuovi! Smile
Intanto grazie!
Silvia

Admin
Admin

Numero di messaggi : 121
Età : 36
Località : Ravenna
Data d'iscrizione : 02.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://infofarmaci.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum