Il possibile connubio delle Multinazionali agro-alimentari (O.G.M.) con quelle chimico-farmaceutiche (KEMIO).

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il possibile connubio delle Multinazionali agro-alimentari (O.G.M.) con quelle chimico-farmaceutiche (KEMIO).

Messaggio  Admin il Lun Lug 14, 2008 4:15 pm

http://www.procaduceo.org/it_schede/0_tumori/0_ricercatori/0_nacci/testi_nacci/piante_che_fanno_suicidare_il_cancro.htm



Multinazionali agro-alimentari (Biotech, OGM)

Da alcuni anni si sta verificando la nascita di multinazionali che si definiscono "multinazionali di scienze della vita" attive sul mercato farmaceutico, dell’agro business (sementiero e pesticidi) e veterinario. Sono settori tra loro diversi, ma che sono legati insieme dall’utilizzo delle biotecnologie (OGM) per la realizzazione dei loro prodotti. Queste multinazionali stanno utilizzando delle strategie economiche molto spregiudicate ed aggressive: dai primi anni ’90 stanno operando per acquistare aziende anche di grande dimensioni.

Una di queste, la Monsanto, ha acquisito nel termine di pochi anni Asgrov, Agracetus, De Calb, Cargil, con un investimento di 10 miliardi di Euro attuali.

La Dupont, altro grande gruppo, ha acquistato la Pioneer con un investimento di circa 8 miliardi di Euro attuali.

Questi investimenti sembrano avere una logica anti-economica: esse pagano le aziende che rilevano molto più del loro reale valore, come se cercassero di eliminare un potenziale concorrente piuttosto che ottenere un risultato economico a breve termine.

Accanto alle acquisizioni abbiamo anche le fusioni: Ciba Geigy e Sandoz creano Novartis (fatturato di 20 miliardi di Euro attuali nel 1997-98).

La stessa Novartis ha fuso recentemente il suo settore agro-alimentare con Astra Zenic.

Dalla fusione della francese Rhone Poulenc e della tedesca Hoest nasce Aventis .

È sempre in questo contesto che nasce, nell'ottobre 2000, il primo gruppo mondiale di agrochimica, Syngenta, - risultato della fusione della svizzera Novartis (Azienda ben nota come produttrice di farmaci per Chemioterapia [nota dell'autore del presente sito] con l'anglo-svedese Astra-Zeneca (anch'essa azienda ben nota come produttrice di farmaci per Chemioterapia [nota dell'autore del presente sito]) – che realizzerà un giro d'affari di circa otto miliardi di euro. Monsanto, dopo la fusione con Pharmacia & Upjohn, una grande ditta farmaceutica (anch'essa azienda ben nota come produttrice di farmaci per Chemioterapia [nota dell'autore del presente sito]), si occupa ormai solo di agricoltura, con un giro d'affari che nel 2000 ha raggiunto i 5,49 miliardi di dollari.



La situazione attuale è la seguente: pochissime multinazionali (Syngenta, Monsanto, Novartis, Dupont, Aventis) detengono il 25-30% del mercato sementiero (ma oltre il 90% del mercato delle sementi transgeniche) e dietro questi grandi gruppi si nota una tale polverizzazione da indurre a pensare che questo andamento non potrà che rafforzarsi in futuro non potendo delle aziende di medie dimensioni contrastare la concorrenza di grandi gruppi economici, e l’obiettivo sembra chiaro: riconvertire il settore sementiero tradizionale in biotecnologico (cioè OGM). Ma il dato impressionante è che ritroviamo gli stessi nomi nel settore dei pesticidi, dove le stesse aziende detengono il 55% del mercato, e soprattutto nel settore farmaceutico, dove le stesse multinazionali hanno una posizione dominante.

Admin
Admin

Numero di messaggi : 121
Età : 36
Località : Ravenna
Data d'iscrizione : 02.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://infofarmaci.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum